Sicilia

Librino e i sogni dei bimbi in fiamme

By  | 

La Club House dei Briganti a Librino non esiste più. Ieri notte dei vigliacchi hanno incendiato tutto. In fumo uno spazio che faceva felici i bambini di periferia. Una splendida esperienza costruita negli anni dai Briganti, un’associazione di rugby che ha voluto, insieme al quartiere, avviare un progetto di liberazione. Hanno realizzato un campo di rugby e spazi dedicati ai bambini e ai ragazzi.
Non un progetto, ma un percorso per costruire un antidoto all’illegalità in un quartiere fragile.
Si è realizzata, in quella che oggi è solo un cumulo di macerie, la Librineria, la prima libreria di quartiere, frutto di un lavoro congiunto tra abitanti e associazioni di volontariato che operano nel territorio. Non c’è più niente.
Il diritto di crescere in un posto accogliente e sicuro è una delle più grandi responsabilità della politica prima e della società tutta poi. In questi anni sulle periferie il governo ha investito risorse e avviato progetti su scuole, impianti sportivi e misure contro la marginalità sociale. C’è ancora molto da fare e questo triste episodio lo dimostra. “Le fiamme e chi le ha appiccate ci hanno portato via i libri e le librerie, i banchetti per il doposcuola, i pennelli e i pennarelii, ma non si sono portate via la nostra voglia di lottare”, scrive la Librineria sulla sua pagina Facebook (https://www.facebook.com/librineria). Questa lotta la condurremo insieme. Forza!