Parlano delle regole del Congresso come diversivo per non parlare di Berlusconi. Le regole ci sono, basta fissare la data.

"I vertici del Partito democratico parlano delle regole del Congresso come diversivo per non parlare delle conseguenze politiche emerse dopo la sentenza Mediaset. Le regole ci sono già. Pensino solo a fissare la data".

Davide Faraone, deputato nazionale del Partito democratico, attacca i vertici del suo partito e in particolare il segretario nazionale Guglielmo Epifani che ha convocato, per giovedì sera, la Direzione nazionale del Pd che deve discutere delle regole congressuali. All’incontro sarà presente anche il premier Enrico Letta.

"Il dibattito sulle regole congressuali lo trovo imbarazzante. Come trovo imbarazzante l’ipotesi di un accordo all’interno del comitato" - attacca Faraone - "Non c’è bisogno di alcun accordo. Le regole già ci sono. Sono le stesse del 2009: quelle che hanno consentito a Pier Luigi Bersani di diventare segretario e a Dario Franceschini di sfidarlo con primarie aperte".

"La presidenza della direzione deve fare una cosa sola – conclude il deputato democratico – fissare la data del congresso. La direzione poi deve affrontare le questioni politiche emerse dopo la sentenza Mediaset, capire il ruolo del Pd e le prospettive del governo Letta". 

 

 

 

(Immagine: http://www.formiche.net/wp-content/uploads/2013/07/pd-assemblea.jpg)

 

 




 


geoblog, la citta' di domani

WikiPalermo - 100 idee per Palermo

Ecco le mie 100 idee per Palermo. Una piattaforma programmatica aperta e modificabile dai cittadini.